Giulia – Italy

Mi chiamo Giulia, ho 16 anni e vengo da Torino, Italia.

Fin da subito tutti i componenti della famiglia sono stati gentili e disponibili con me, mi hanno fatto sentire a casa. Sono stata molto seguita in tutto il mio percorso. Prima di atterrare ho potuto fare alcune chiamate skype con la mia famiglia per conoscerci. La mia famiglia é composta da mia madre Jenny, mio padre Mark e i figli di Jenny, Aidan and Charlotte. Mi sto trovando molto bene con loro perché sono molto simpatici e disponibile e sempre pronti a darmi una mano, che sia anche solo un passaggio. Ho la mia camera con il bagno adiacente e tutti i confort di cui necessito. É molto bello passare del tempo con loro, scherziamo e parliamo normalmente il pomeriggio e durante la cena. Ogni tanto usciamo a cena e qualche giorno fa siamo andati alla serata di trivia al club di canottaggio della famiglia.
split
2
Anche a scuola é andato tutto benissimo, mi sono sentita subito parte integrante della scuola. Tutte le ragazze mi hanno aiutato quando avevo dei dubbi e abbiamo fatto amicizia subito. Mi hanno dato un computer e il mio diaro. La scuola australiana é molto diversa da quella italiana. Bisogna cambiare aula per ogni lezione, puoi sciegliere le materie che vuoi fare, bisogna indossare la divisa, ci sono pochi libri di testo e si usa molto il computer che la scuola ti fornisce. Ti stimolano molto di piú, durante le lezioni si guardano molti video oppure ti fanno cercare delle informazioni o avvenimenti su internet. Fin da subito ho cercato di integrarmi in questo nuovo sistema, faccio i compiti come le mie compagne australiane, faccio le mie presentazioni di inglese e i miei esperimenti di scienze. Anche i professori sono stati molto gentili e comprensivi, i primi giorni avevo ancora delle difficolta ma dopo una settimana facevo le stesse cose delle mie compagne. Tutte le ragazze ragazze sono molto curiose di sapere qualcosa su di me e sull’Italia. Le ragazze sono tutte molto aperte e puoi parlare di tutto. La scuola cura molto la pare delle relazioni percui organizza dei giochi di gruppo durante le assemblee o durante il pranzo.
Ho notato fin da subito che tutti gli australiani sono disponibile e pronti ad aiutarti. Gli australiani sono persone informali e sincere. Ti fanno sentire subito a tuo agio. Il loro stile di vita non é molto distante dal nostro ma un po’ diverso. In generale sono persone sportive e gli piace stare all’aria aperta. Gli piace stare insieme ad amici e parenti, sono molto socievoli.
La cittá, Sydney, é di impostazione amercana con un po’ di Inghilterra soprattutto dei sobborghi. La cittá é molto estesa e piena di grossi quartieri con villette a schiera. Ho visitato nanche il centro della cittá e ho visto i piú famosi monumenti. Durante il mio soggiorno sono stata all’acquario, al Toronga zoo e ho fatto una lezione di surf. Nel weekend e dopo la scuola esco con le mie compagne per andare a vedere un film o per un compleanno.
Questa eperienza é stata fantastica perché ho migliorato il mio inglese, ho conosciuto delle persone fantastivhe con cui cercheró di tenermi in contatto e ho visitato un nuovo paese che da tanto volevo vedere.

Giulia